strategia-mobilePartire senza un obiettivo ci può portare all’insuccesso

di 

Sviluppare una strategia mobile: è questa l’ultima tendenza che sempre più aziende e organizzazioni stanno cercando di cogliere.
Ma questo tipo di percorso non può essere intrapreso a caso, senza aver ragionato su obiettivi e risultati desiderati.
Cosa non fare, dunque?
– Immaginare che il mobile sia la soluzione ai nostri problemi
– Sviluppare un sito mobile o una app solo perché “lo stanno facendo tutti”
Ecco invece qualche suggerimento basilare per iniziare a lavorare su una strategia mobile.
1 – Capire il contesto
Le ricerche da mobile dipendono in modo determinante dal contesto e si contraddistinguono per la necessità di trovare un risultato attinente nel minor tempo possibile.
Lo afferma una ricerca Nielsen/Google: l’81% delle ricerche mobile hanno come principali fattori la velocità e la convenienza. Se riusciremo a posizionarci bene su motore di ricerca (e non sempre avere un sito desktop ben ottimizzato ci garantisce di avere anche un buon posizionamento in termini di m-site) e a cogliere il contesto dal quale arrivano i nostri utenti, avremo migliori possibilità di ottenere conversioni soddisfacenti da mobile.
Attenzione: la SEO per mobile deve tenere conto di diversi fattori, come il fatto che un crescente numero di ricerche effettuate in mobilità presenti elementi locali.
2 – Conoscere i potenziali clienti
Chi visita il mio sito? Con quali query atterra sulle mie pagine? Quali informazioni si aspetta di trovare sulla versione desktop e quali dovrei invece inserire all’interno del sito mobile? Sono solo alcune delle domande che dobbiamo farci quando consideriamo i nostri potenziali clienti. Google Analytics può aiutarci a scoprire di più sui nostri utenti, ma la profilazione può passare anche attraverso canali diversi: creazione di mailing list e monitoraggio del pubblico sui profili social, per esempio.
In ogni caso, avere un’idea il più possibile precisa dei nostri potenziali clienti è la precondizione per poter offrire un’esperienza di navigazione mobile soddisfacente o realizzare un’app che sia adeguata rispetto alle esigenze del nostro target di riferimento.
3 – Fare meno per fare meglio
Un errore particolarmente diffuso è quello di non riuscire a concentrarsi sulle priorità e voler trasportare tutti i contenuti di un sito desktop sulla versione mobile. Occorre ricordare che navigare da mobile è un’esperienza radicalmente diversa e che ridurre all’essenziale è spesso la chiave del successo. Basarsi sulla conoscenza del contesto e del pubblico di riferimento è il primo passo per capire cosa può essere sacrificato o cosa invece deve essere enfatizzato per ottenere gli obiettivi che ci siamo prefissati.

Per semplificare, può essere utile ragionare in questi termini: come utenti, cosa ci aspettiamo di trovare su un sito mobile o su una app? Quanto tempo dedichiamo, mediamente, a una ricerca da mobile?

Una cosa è certa: nessuna iniziativa mobile può essere fine a sé stessa. Deve, al contrario, inserirsi in una più ampia strategia capace di intercettare i cambiamenti e di utilizzarli per promuovere gli obiettivi. Siano essi vendere, informare o farsi conoscere in un contesto sempre più affollato e dove conterà sempre di più la qualità dei prodotti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *