plugin wordpress

Se non sapete cosa sia un plugin WordPress allora forse fate ancora parte di quell’ampia fetta di persone che ritiene l’apertura di un sito una cosa complicatissima, che solo un vero “smanettone” è in grado di fare. Niente di più sbagliato, per fortuna. WordPress è un CMS piuttosto semplice e chiunque abbia un po’ di pazienza e curiosità può imparare a usarlo.

I plugin sono invece i componenti aggiuntivi che vi consentiranno di dotare il vostro sito o blog di numerose funzionalità, rendendolo sempre più bello e interessante per i vostri lettori.

Oggi testo per voi un componente aggiuntivo chiamato Hypotext. Si tratta di uno strumento interessante se volete creare contenuti che catturino l’attenzione dell’utente, consentendogli di approfondire solo quello che davvero gli interessa. Insomma, con questo plugin è possibile scrivere tanto senza spaventare il lettore con un contenuto che al primo sguardo appare troppo lungo e dispersivo.

Plugin WordPress Hypotext: pro

Il vantaggio principale di questo componente è semplice: vi può aiutare a creare contenuti compatti, permettendo all’utente di leggere un breve testo senza “rimbalzare” dalla vostra pagina web e di approfondire solo laddove sia interessato a farlo.

Ecco un esempio di testo da approfondire
Le principali motivazioni per utilizzare questo plugin sono bene riassunte in questo approfondimento.

hypotext plugin

All’interno dell’area espandibile è anche possibile inserire immagini, citazioni, video embedded e tutto quello che la vostra fantasia può concepire. Lo strumento quindi è sufficientemente flessibile per permettervi una certa sperimentazione.

Per scaricarlo, seguite il link all’area plugin di WordPress.org

Plugin WordPress Hypotext: contro

Il contro forse è uno solo, ma bello grande: non è possibile modificare in nessun modo il plugin. Se non vi piacciono i quadratoni neri che si attivano quando si clicca sul link testuale, peggio per voi. Diverse persone hanno provato a scrivere allo sviluppatore a questo proposito, ma non è arrivata neppure una risposta. Questa è davvero una pecca abbastanza grave, ma forse le prossime versioni conterranno qualche opzione in più. Quella attuale, infatti, è soltanto la prima release.

Un’ ultima nota: ho provato a frugare all’interno di WordPress.org per cercare qualche altro plugin che facesse all’incirca la stessa cosa, ma niente da fare. Se le vostre ricerche dovessero rivelarsi più fruttuose, o se conoscete qualche semplice trucco per raggiungere lo stesso effetto, scrivetemi un commento qua sotto 🙂

 

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *