Telegram

La prima volta che ho installato Telegram è stato 2 o 3 anni fa. Davvero, non ricordo molto, se non che ho sbirciato il numero di persone della mia rubrica che erano iscritte e poco dopo ho lasciato perdere.

Dopotutto, perché utilizzare una app che sostanzialmente faceva le stesse cose di Whatsapp? Come la maggior parte delle persone, cerco di trovare la soluzione migliore per ogni esigenza: e un’app di messaggistica che contiene meno contatti di un’altra è semplicemente meno utile.

Qui trovate i dati sugli utenti di instant messenger in Italia a fine 2018: come vedete, Whatsapp batte tutti sia per numero di utenti che per tempo di utilizzo.

Ma che differenza c’è fra Whatsapp e Telegram?

In verità, la mia scelta non era ben motivata. Perché come giustamente esplicita Marco Govoni in questo articolo, Whatsapp e Telegram non fanno esattamente le stesse cose.

Per esempio, su Whatsapp non esiste l’equivalente dei canali Telegram. Ed è per questo che dopo tanto tempo sono tornata a interessarmi di questa app.

Posso benissimo continuare a interloquire con i miei amici su Whatsapp, ma mi mancava uno strumento per tenermi in contatto con chi incontro in aula. Nella maggior parte dei casi sono persone con le quali trascorro a malapena 8 ore, ma possono bastare per creare un legame. Infatti, spesso è capitato che mi ricontattassero per farmi delle domande o chiedere approfondimenti.

Il mio nuovo canale Telegram: Digital 4 Dummies

Mi piace moltissimo insegnare perché mi pare di fare qualcosa di utile: fornire strumenti alle persone affinché possano crescere, dare le ali alle proprie idee e realizzare nuovi percorsi professionali e di vita.

Mi sono quindi chiesta: e se dopo le 8 ore d’aula lasciassi qualcos’altro oltre alle solite slides? E così è nata l’idea di questo nuovo canale Telegram: Digital 4 Dummies >> qui il link per iscrivervi, se vi va!

In realtà non ci saranno solo cose basiche, ma anche qualche trucco per usare al meglio il digitale e per semplificarsi la vita. Ho pensato potesse essere un buon modo di continuare a “esserci”, sostenibile sia per me che per chi deciderà di seguirmi.

Insomma, provate a dare un’occhiata e ditemi cosa ne pensate!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *